Пісні по назвіПісні по альбому

Giorgio Faletti - Ballerini
Альбом: Nonsense

Слова і музика: Giorgio Faletti

en es fr it pt ru uk

BalleriniDancers
Per quante sere danzeremo ancora
Col nostro corpo incollato
Davanti a un pubblico che adesso ci ignora
Che se n'è quasi già andato

Per quante sere danzeremo ancora
Col nostro passo affiatato
Con l'ironia di questo tempo d'amore
Che adesso è quasi passato

Come mai io non so stare seduto a guardarti
Come mai non riesco a staccarmi da te

Con quale passo, quale piede
Noi continueremo la danza.
Con quale piroetta in diagonale
Taglieremo la stanza

Non senti il mio fiato affrettarsi
E il mio cuore gonfiarsi e riempirsi di pena
Che porta via quel poco sole che c'è
E ai ballerini la scena

Per quante sere danzeremo ancora
Col nostro sguardo incrociato
Ch'era l'inferno dei miei occhi e che ora
È il posto dove ti ho amato

Per quante sere danzeremo ancora
Sognando di aver danzato
La nostra ombra appesa al piede e nel cuore
L'applauso che non c'è stato

Come mai io non so stare seduto a guardarti
Come mai non riesco a staccarmi da te

Con quale passo, quale piede
Noi in questa notte che avanza
Avremo un gesto quasi innaturale
Per tenerla a distanza

Al cielo possiamo aggrapparci ma ancora
Coi piedi a sfiorare il terreno
Che manca sempre per quanto ce n'è.
Non si può farne a meno

Non siamo più due persone comuni
Due persone comuni
E ballerini nemmeno
For how many nights will we dance again
With our body stuck
In front of an audience that now ignores us
That has almost left already

For how many nights will we dance again
With our step synchronized
With the irony of this tempo of love
That has now almost passed

As ever I do not know how to remain seated to watch you
As ever I do not manage to tear myself away from you

With some step, some foot
We will continue the dance.
With some diagonal pirouette
We will cut across the room

You do not feel my breath race
And my heart swell and fill with pain
That takes away what little sun that there is
And [steals] the scene from the dancers

For how many nights will we dance again
With our interlocked gaze
That was my eyes' hell and that now
Is the place where I loved you

For how many nights will we dance again
Dreaming of having danced
Our shadow hooked on our feet and in our heart
The applause that was not there

As ever I do not know how to remain seated to watch you
As ever I do not manage to tear myself away from you

With some step, some foot
We, on this night that is advancing
Will have an almost unnatural expression
In order to keep it at a distance

We are able to cling to the sky but still
With our feet touching the ground
That is always lacking however much of it there is.
It is not possible to do without it

We are no longer two ordinary people
Two ordinary people
And not even dancers