Пісні по назвіПісні по альбому

Giorgio Faletti - Identikit
Альбом: Da Quando A Ora

Слова і музика: Giorgio Faletti

en es fr it pt ru uk

IdentikitIdentikit
Forse sarò così
Un vecchio solo in qualche ristorante
Io che ne ho amate poche
Ma conosciute tante

E ancora adesso la memoria si spezza
E si ferma anche il cuore
Pensando «che fantastico profumo
E una pelle con un buon odore»

Forse sarò così, ma non lo posso sapere.
Forse sarò così

Forse sarò così
Ma non avrò nemmeno il tempo di invecchiare
Per poi non ricordarmi neanche più
Che cosa andavo a cercare
Che forse era qualcosa di bello
Che è andato via in un'ora
Ed è strano, proprio strano dirlo adesso
Mentre lo cerco ancora

Forse sarò così, ma non lo posso sapere.
Forse sarò così

Lo guardo in faccia questo tempo
Che si muove svelto fuori e lento dentro di me
Che per quanti danni ha fatto
Non ha spento il mio sorriso e non ha scelto da sé

Lo guardo in faccia e mi domando se
Ogni tanto quando piango, sia una finta la mia.
Così curioso di sapere ogni dettaglio della storia
Bella o brutta che sia

E se mi ha messo le mani addosso
Lo ha fatto senza dolore.
Io ti perdono, non ti abbandono
Povero stupido giovane vecchio uomo

E quando non starò più qui a stropicciare questi panni
Io sarò andato via così che ancora avevo diciassette anni

Forse sarò così
Seduto a riposare su un gradino delle scale
Pensando come sempre dentro me
Che c'era il trucco e non vale
In quale buffa capriola saprò
Se è stato un viaggio o una gita
Ma fino a quel momento ci sarò
Perché ci sarà vita

Forse sarò così, ma non lo posso sapere.
Forse sarò così
E allora stiamo a vedere
Perhaps I will be like that
An old man alone in some restaurant
Me that has loved few
But known many

And even now my memory fails (lit: breaks)
And my heart stops too
Thinking “what fantastic perfume
And good smelling skin”

Perhaps I will be like that, but I cannot know.
Perhaps I will be like that

Perhaps I will be like that
But I will not even have time to grow old
In order to then no longer even remember
What I was going to look for
That perhaps was something beautiful
That went away in an hour
And it is strange, very strange to say it now
While I am still looking for it

Perhaps I will be like that, but I cannot know.
Perhaps I will be like that

I look it in the eyes (lit: face), this time
That moves swiftly outside and slowly inside me
And however much harm it did
My smile did not switch off and did not decide by itself

I look it in the eyes and ask myself if
Every so often when I cry, it may be an act of mine.
So curious to know every detail of the story
Be it beautiful or ugly

And if it placed its hands on me
It did it painlessly.
I forgive you, I am not leaving you
Poor, stupid, young, old man

And when I am not here any more to crease these clothes
I will have gone away so that I am seventeen again

Perhaps I will be like that
Sitting to rest on a step of the stairs
Thinking as always within myself
What the trick was and it does not matter
In which funny somersault I will know
If it was a journey or a trip
But until that moment I will be there
Because there will be life

Perhaps I will be like that, but I cannot know.
Perhaps I will be like that
And then we will see