Songs by titleSongs by album

Giorgio Faletti - Le Ipotesi Di Un Fannullone
Album: Da Quando A Ora

Lyrics & Music: Giorgio Faletti

en es fr it pt ru uk

Le Ipotesi Di Un FannulloneA Slacker's Theories
Tu non capisci come faccio a dire che sono uno scrittore
Se non ho scritto altro che il tuo nome su dei fogli bianchi.
Altre parole risultano alla carta solo dei segni sciocchi
Ed io non voglio tirare via l'inchiostro al nero dei tuoi occhi

Tu non capisci come faccio a dire che sono un musicista
Se mai nessuna nota è uscita fuori da questa mia bocca
Però c'è musica persino nel silenzio di chi ti guarda e tace
Ed io non voglio che se ne stia nascosta nel suono di una voce

Chiedimi perché sto qui e sto fermo
E pure in movimento accanto a te
E ogni posto che vai

Chiedimi perché sto qui e mi incanto
E pure dentro così attento a te
E ogni cosa che fai

Chiedimi perché se presto dita ai numeri che conto
Il pensiero volando torna sempre accanto a te

Tu non capisci come faccio a dire che io sono un pittore
Se non ho fatto altro che restare ad osservarti il viso
E sulla tela che tengo tra le mani io non ci ho fatto un segno
Così occupato nel bianco della mente a disegnarmi un sogno

Tu non capisci come faccio a dire che sono uno scultore
Quando il mio tempo è fatto solo e sempre delle mani in tasca
Ma se scavassi il viso tuo nel marmo, lo so che presto o tardi
Sarei geloso persino della luce, non solo degli sguardi

Tu non capisci come faccio a dire che sono uno scrittore.
Tu non capisci come faccio a dire che sono un musicista.
Tu non capisci come faccio a dire che io sono un pittore.
Tu non capisci come faccio a dire che sono uno scultore
You do not understand how I can say that I am a writer
If I have written nothing but your name on blank pages.
Other words end up being just stupid marks on the paper
And I do not want to throw away ink in the black of your eyes

You do not understand how I can say that I am a musician
If not one note has ever come out of this mouth of mine
But there is music even in the silence of the one who looks at you and keeps quiet
And I do not want it to be hidden in the sound of a voice

Ask me why I am here and I am stationary
And yet in motion beside you
And everywhere that you go

Ask me why I am here and I am day-dreaming
And yet inside, so attentive to you
And everything that you do

Ask me why if I apply fingers to the numbers that I count
My thoughts always come flying back beside you

You do not understand how I can say that I am a painter
If I have done nothing but stay to observe your face
And on the canvas that I hold in my hands, I have not made a mark
Too occupied by the blankness of my mind to draw myself a dream

You do not understand how I can say that I am a sculptor
When my time was spent alone and always with my hands in my pockets
But if I cut your face into marble, I know that sooner or later
I would be jealous even of the light, not just the looks

You do not understand how I can say that I am a writer.
You do not understand how I can say that I am a musician.
You do not understand how I can say that I am a painter.
You do not understand how I can say that I am a sculptor